about

Eros Giordano was born in Milan, Italy May 24, 1974, where he spent the early years of his life.
He travelled a lot, first with his parents, then by himself and finally settled down in Florence. His nomad nature defined his passion for unknown places. Never tourist, always traveller, almost a lost soul. A condition that, step by step, turned into passion: photography.
From each place he visited he brought back feelings, perceptions, tracks, people.
Started as a joke, the talent evolved intensively.
He improved his technique by attending different professional courses, learning how to use graphic programs and digital cameras.
But his focus is not on the computer photo editing but mostly on the perfect photograph itself.
His passion is this feeling that leads to choosing what, who and when to shoot with the camera. It is the passion for selecting the right moment, the moment that brings you this emotion that is probably also yours.
This is what makes us believe that the specific image was already on his mind before captured with the viewfinder….

——–

Eros Giordano nasce a Milano 24 maggio 1974 dove vive i primi anni della sua vita.
Fa diversi spostamenti, prima coi genitori, poi per suo conto e finisce per stabilirsi nei dintorni di Firenze.
Lo spunto nomade gli disegna la passione per l’altrove. Mai turista, sempre viaggiatore, è quasi un’anima in pena.
Una pena che, a poco a poco, si concretizza in una passione: fotografare.
E’ così che da ogni luogo porta a casa sensazioni, percezioni, tracce, persone.
Inizia per gioco ma il talento esce prepotente.
Si perfeziona nella tecnica con diversi corsi, impara a usare programmi grafici e macchine digitali.
Ma il suo spessore non è nella correzione virtuale, nello scatto perfettibile,reso perfetto al computer.
Il suo spessore è in quella sensibilità che lo fa scegliere cosa o chi fotografare e quando. E’ il cogliere il momento giusto, quello che passa l’emozione che forse è anche la sua.
E’ il pensare quel taglio preciso dell’immagine che ci fa credere che la foto lui l’abbia già nella sua mente prima di vederla nel mirino.

_________

Dr. Silvia Bertini